Tu sei qui

Home » AIT Berard » Testimonianze riguardo il programma AIT Berard

Testimonianze riguardo il programma AIT Berard

Si riportano di seguito alcune testimonianze di ragazzi e di genitori, riguardo il programma "AIT Berard", fatto con il dottor Matteo Faberi.
Chi fosse interessato ad aggiungere la propria testimonianza, è invitato ad inviarla a matteo.faberi@gmail.com .

*****

Siamo i genitori di Giacomo. Quando nostro figlio aveva 3 anni, abitavamo a Toscolano Maderno. Non parlava ed aveva problemi di attenzione e comportamento: venne diagnosticata una lieve forma di autismo. Incontrammo il dottor Matteo Faberi che notò che le difficoltà di nostro figlio erano legate a problemi nella qualità dell’udito. Ad esempio, quando la mamma cantava, lui diventava rosso e si metteva le mani alle orecchie: non perché si emozionava, ma perché gli dava fastidio la sua voce acuta.  Non usava vista e udito insieme: quando stava guardando qualcosa sembrava non sentisse e non si girava se lo chiamavi; faceva lunghe file di macchinine e si fissava a guardare i particolari, avendo sviluppato molto il canale visivo.

Iniziammo a fare alcuni esercizi e, nel gennaio 2014, Giacomo fece un ciclo di rieducazione uditiva AIT Berard.
In pochissimo tempo migliorarono attenzione e comportamento e il bambino iniziò a comporre le prime brevi frasi. Nel mese di marzo, Giacomo stupì la pediatra che ci aveva indirizzato al centro per autismo e si è ricreduta sulla diagnosi quando il bambino l’ha salutata dicendole “Ciao verde”: dimostrava innanzitutto il desiderio di comunicare, ed anche di conoscere i colori, cose che solo alcuni mesi prima sembravano traguardi lontani. La cura uditiva ha senza dubbio eliminato l’ipersensibilità di del bimbo che non tollerava certi suoni e migliorato la qualità dell’attenzione.

Ci siamo trasferiti negli Stati Uniti. Ora Giacomo ha 6 anni, parla bene in italiano e inglese, a scuola  svolge il programma come tutti gli altri senza insegnante di sostegno, sta imparando francese e spagnolo. È più che bilingue perché alla scuola internazionale si rivolge ai suoi insegnanti solo nella loro lingua madre! Quello che ci stupisce è proprio la sua capacità di imitare perfettamente i suoni così diversi e tipici di ogni lingua. In italiano tuttavia balbetta spesso, mentre nelle altre lingue risulta più sciolto.

Sebbene ci siano tanti miglioramenti, i punti deboli di Giacomo sono legati alle relazioni sociali. Ha tanti amici ma non sempre sa rapportarsi a loro in modo equilibrato. Risulta sempre un po' sopra le righe, il più "strano" o buffo della classe. Ha ancora un'enorme difficoltà a mantenere il contatto visivo con l'interlocutore. Nella scrittura non sa gestire lo spazio: sa scrivere ma neanche impegnandosi riesce a mantenere una linea o una scrittura ordinata. Ha una gran passione per la geografia e per la matematica ma e' disastroso nel disegno! E' un bambino molto affettuoso e sensibile anche se alle volte e' colto da veri propri raptus di frustrazione

In generale credo che l’aiuto di Matteo sia stato determinante per "sbloccarlo". Se avessimo avuto più tempo assieme sono sicura che saremmo riusciti a correggere ancora alcuni degli aspetti più problematici del comportamento. Comunque noi ci riteniamo molto fortunati per aver ricevuto il suo aiuto in un momento così delicato dello sviluppo di Giacomo. Anche il bimbo conserva un bellissimo ricordo del loro rapporto! Grazie ancora di tutti caro Matteo!                                   
​Jacopo e Micol

*****

Sono Joshua. Io ho 10 anni e avevo tanti problemi a scuola per capire tutto ciò che volevano insegnarmi le maestre. Sono stato per un periodo da Matteo Faberi e mi ha aiutato tanto con italiano e matematica. Era l unico che mi chiamava a casa per chiedermi come andavo a scuola. In più io ho fatto anche 10 giorni di terapia per l'udito ... e mi ha aiutato tanto. Grazie Matteo e grazie a Papà Simone e Mamma jolanda per avermi aiutato cosi!
​                                                                                         Joshua Franzoni 

Ciao Matteo! E' VERO: 3 anni fa il mio marito Simone e io eravamo disperati perchè Joshua non era capace di leggere e scrivere come gli altri della classe, già in 1^ elementare faceva tanta fatica. Faceva anche fatica con matematica! Non abbiamo avuto aiuto di nessuno perchè la lista d ì attesa ASL era di 2 anni. Cosi per fortuna 2 anni fa, merito ai genitori di Leonardo, siamo venuti da te! Grazie dal Cuore! Mamma joY

*****

Un paio d'anni fa io e la mia piccolina abbiamo fatto la Rieducazione uditiva con il metodo AIT Berard. Per la mia bimba che soffriva a causa di alcuni rumori intensi prodotti dalle marmitte delle motociclette e dalle campane dei campanili, tali disturbi sono stati quasi annullati dopo il ciclo di terapia. Per me, la difficoltà a cogliere fino in fondo alcune frasi derivava da una mancanza di attenzione (mia moglie me lo ricorda spesso!) ma anche da un difetto nella percezione di un paio di frequenze. La cura non è stata risolutiva nel mio caso, ma è stata comunque
                                           utile. Grazie Gianluca.

​*****

Dal punto di vista pratico mio figlio ha avuto davvero una serie di benefici evidenti e collegati alla cura. Nel sistema nervoso è un po' tutto collegato e così la cura (che dà uno stimolo per la riorganizzazione del sistema uditivo sensoriale) ha influito anche su attenzione, sonno, produzione verbale e persino accomodazione visiva (!). Ma la cosa che mi ha impressionato: mio figlio il primo giorno alla tromba da stadio nella stanza non si è girato neanche una volta (roba che il fratellino nell'altra stanza, con miliardi di porte chiuse e il papà che gli tappava le orecchie invece si è messo a piangere a dirotto per quanto era forte il suono!), dopo 2 giorni di cura si è girato eccome, sussultando e mostrando spavento, cominciando addirittura a piangere... capisci? Pensa tu la disorganizzazione sensoriale che aveva! E da allora ha cominciato a prestare più attenzione soprattutto alla voce delle persone che parlano, da qui aumento di comprensione e incremento del linguaggio. Perciò diciamo, anche confrontandomi con altri genitori, che non ci saranno evidenze scientifiche, ma ci sono delle evidenze cliniche.Inoltre, il giovane psicologo che ha scritto l'articolo è molto bravo e competente (...)
Saluti a tutti!
Elena

*****

E' già la seconda volta e dopo la terapia ci sono sempre stati miglioramenti settimana dopo settimana di attenzione apprendimento e ci sono piccole paroline ....comprensione ed è migliorato anche il sonno GRAZIE GRAZIE. P.

*****

Appena terminata la terapia con il metodo AIT e anche stavolta nuovi progressi per il nostro campione.. Grazie di cuore ! Ilaria